CATASTA

Per la sfilata Primavera/Estate 2018 di Miu Miu, AMO manipola e altera la formalità del Palais d'Iéna.

Lo spazio è ostruito da un’installazione orizzontale che domina l’ambiente e allo stesso tempo funge da infrastruttura, spezzando la rigorosa linearità della ‘salle hypostyle’ di Perret. Un cumulo irregolare di mattoni crea un sistema di livelli frammentati che collocano gli ospiti a diversi gradi di vicinanza rispetto al percorso delle modelle. Una fila ininterrotta di sedie di plastica si stringe intorno alla struttura centrale, producendo l’effetto di una passerella in equilibrio tra intimismo e spettacolarità. 

 



L’atmosfera della sfilata è creata dal contrasto di materiali, umili e insieme insoliti. L’ammassamento quasi esagerato amplifica l’estraneità della loro presenza all’interno del severo Palais. L’immissione di luce naturale all’interno dello spazio è regolata e filtrata mediante schermi di plastica, che proiettano nella sala un intero spettro di colori e fanno da mediatori tra l’entità dell’intervento e l’imponenza dello scenario circostante.